Un brano di Giorgio Conte in un balletto di Baryshnikov